L’Istituto Nazionale Tedesco per la Valutazione dei Rischi (BfR) ha pubblicato un monito riguardante lo stoccaggio dei pellet di legno, a seguito di numerosi casi anche mortali di avvelenamento da monossido di carbonio.

Le cause sono da ricondurre ai processi di auto-ossidazione delle componenti lignee durante le fasi di spezzettamento, riscaldamento ed essiccazione, che producono monossido di carbonio, che è invisibile ed inodore. I sintomi vanno dal mal di testa alle vertigini, alla nausea fino alla perdita dei sensi.

Inoltre, se l’ambiente di stoccaggio è collegato all’abitazione e non chiuso ermeticamente, le sostanze dannose possono diffondersi nell’intera casa e mettere in pericolo la salute degli abitanti. Per lo stoccaggio si dovrebbero prevedere misure di sicurezza, come una continua areazione e ventilazione, ed eventualmente l’installazione di un apparecchio di allarme gas. A richiesta, la Rete OCD fornisce consulenti ed installatori.

Fonte utilizzato: BfR – Notifica 19/2014 “Evitare gas tossici dal bunker di pellet” dal 17/07/14

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quindici − 14 =